Google Panda Cosa è e Quando arriva in Italia

Dopo l’ultimo aggiornamento di Google, Google Panda che probabilmente sbarcherà in Italia fra circa due mesi migliorerà il ranking dei siti web con contenuti unici e utili, rendendoli più visibili nei risultati delle ricerche.

Panda è di gran lunga il cambiamento più significativo all’algoritmo di ricerca di Google degli ultimi 10 anni. Gli affari di molte aziende che dominano su internet da molti anni potrebbero andare in fumo in poche ore.

Google Panda, chiamato anche Content farm Update o Farm Update, non è nato semplicemente per rimuovere dall’indicizzazione tutti i siti con pagine dai contenuti poco rilevanti o poco originali Panda è qualcosa di rivoluzionario e siamo solo all’inizio di una nuova era.

Recentemente rinominato Panda Google Update, Panda è stato pricipalmente sviluppato per:

  • Migliorare il ranking dei siti con contenuti di qualità
  • Fornire risposte più pertinenti nelle ricerche e più velocemente
  • Ridurre il ranking dei siti con una bassa qualità dei contenuti

Che cosa sono le Content Farm?

Le Content Farm sono tutti quei siti costituiti da un numero elevato di pagine che generalmente hanno scarsa rilevanza, principalmente creati per generare introiti pubblicitari attraverso tecniche SEO e di link building per aumentarne al massimo l’indicizzazione.

Quali dovrebbero essere i siti di bassa qualità da penalizzare?

  • Siti scritti poco professionalmente
  • Con troppa pubblicità rispetto al contenuto
  • Con Contenuti duplicati da altri siti
  • Siti scarsamente linkati
  • Siti con alcuni contenuti poco rilevanti

(un gran numero di siti subiranno un forte calo di traffico)

Quali saranno i siti che invece miglioreranno il loro posizionamento e il loro traffico?

  • Siti con contenuti originali
  • Siti con dati di ricerche
  • Siti con relazioni approfondite
  • Siti con back links di qualità da pagine esterne pertinenti

Cosa possiamo fare nel frattempo per prepararci all’arrivo di Panda?

Google consiglia di concentrarsi per rendere il proprio sito un’autorità nella sua nicchia.

Considera di rimuovere o di usare il meta tag NOINDEX per tutti i contenuti di scarsa qualità o cerca di consolidarli aggiornandoli di informazioni utili per chi viene a leggerli.

Se il tuo sito ha delle pagine con contenuti di bassa qualità, ti conviene rimuoverli dal tuo indice, anche se hai tanti buoni contenuti potresti subire pesanti penalizzazioni con l’arrivo di Panda.

La nuova SEO dovrebbe consistere quindi nello spingere solo la roba di miglior qualità e nella completa rimozione delle pagine di bassa qualità e di quelle con una nicchia estranea al tuo sito.

Per quanto riguarda il link building non generare automaticamente centinaia di collegamenti al tuo sito nel giro di poco tempo. Se scrivi contenuti interessanti i back links arrivano da soli.

Google è molto consapevole di queste tecniche.

Più contenuto di qualità si pubblica e più Google continuerà a indicizzarti facendoti ottenere così una elevata visibilità.

Per approfondire ti consiglio la lettura di questo articolo di Robin Good su Mesternewmedia

http://www.masternewmedia.org/it/google-panda-cosa-e-quali-caratteristiche-ha-e-come-prepararsi-al-suo-arrivo-in-italia/




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*