La nube vulcanica sta sconvolgendo l’estate 2010

An Alitalia Airbus A320.
Image via Wikipedia

A tutti gli amanti del mare del sole e della montagna, attenzione: la nube vulcanica conseguente l’eruzione del vulcano islandese Eyjafjallajoekul potrebbe aver sconvolto l’estate di quest’anno, secondo la climatologa Marina Baldi del Cnr il 2010 potrebbe essere un anno senza estate.
”Di fronte a questo evento possiamo solo sperare che l’eruzione duri poco e che queste ceneri, questo gas e questoparticolato si disperdano rapidamente o vengano depositati al suolo dalla pioggia”.

Già nel 1816 gravi anomalie al clima estivo distrussero i raccolti nell’Europa settentrionale, negli Stati americani del Nord-Est e nel Canada orientale.
Lo storico John D. Post ha battezzato quel periodo “l’ultima grande crisi di sopravvivenza nel mondo occidentale”.
Mutamenti climatici che furono causati dall’eruzione vulcanica del Tambora nell’isola di Sumbawa (Indonesia), avvenuta dal 5 al 15 aprile 1815, che immise notevoli quantità di cenere negli strati superiori dell’atmosfera. Conseguenza: la temperatura globale si abbassò poiché la luce del Sole faticava ad attraversare l’atmosfera.

Restando sempre nell’argomento nube è di oggi la notizia che l’Enac ha multato la Ryanair per mancata assistenza stabilita dalla legge, in 178 casi accaduti accaduti nei giorni compresi tra sabato e giovedì 22 aprile scorsi, durante i quali furono cancellati centinaia di voli in tutta Europa a seguito dell’eruzione del vulcano islandese, e moltissimi passeggeri rimasero bloccati negli aereoporti; Ryanair è colpevole di non aver prestato l’assistenza (prescritta dall’art.9 del regolamento CE n.261/2004) ai passeggeri rimasti a terra nello scalo di Ciampino. Enac sottolinea che la quasi totalità delle altre compagnie aeree, con l’aiuto della protezione civile, hanno invece prestato la dovuta assistenza e fornito tutti i contributi necessari a limitare i disagi sofferti dai passeggeri bloccati negli aeroporti italiani.
Per quanto riguarda le perdite economiche di Alitalia, il presidente Roberto Colaninno ha affermato che lo stop dei voli causato dalla nube islandese ha inciso sui conti di Alitalia per decine di milioni di euro.
Altri voli fermi per lo sciopero British Airways: il sindacato Unite annuncia cinque giorni di sciopero del personale di cabina BA, a partire da lunedì 24 maggio per la lotta dei lavoratori che da mesi cercano di risolvere questioni relative alle condizioni di lavoro e i contratti per i nuovi assunti.

Reblog this post [with Zemanta]



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*