Garmin ha annunciato Vivosmart 4, il suo ultimo fitness tracker ultra-sottile che aggiunge nuove funzionalità per il monitoraggio della salute. La novità più interessante è il sensore pulse ox, che consente di misurare i livelli di saturazione dell’ossigeno nel sangue durante la notte per analizzare meglio la qualità del sonno. Questa funzionalità è stata adottata per la prima volta sul Fenix 5X Plus, dove viene utilizzata per monitorare i livelli di ossigeno in alta quota.

garmin vivosmart 4

Aspetto e design

Vívosmart 4 è uno dei braccialetti Garmin più comodi da indossare, disponibile in diversi colori e nelle taglie Small/Medium e Large. Il design è molto più attraente rispetto al precedente Vivosmart 3, e anche meno ingombrante. Il nuovo touchscreen, circondato da una cornice in metallo, rendono Vivosmart 4 un dispositivo molto attraente. Purtroppo la band in silicone non è intercambiabile, quindi devi prendere una decisione prima dell’acquisto, perchè il braccialetto rimarrà del colore che scegli inizialmente. Le opzioni disponibili sono Berry/Rose Gold, Blue/Silver, Gray/Silver, Black/Slate.

Display

Il nuovo display OLED da 0,26 × 0,70 pollici è decisamente più visibile rispetto a quello del Vivosmart 3. Il rovescio della medaglia è che la risposta al tocco non sempre funziona al primo colpo. In particolare quando si cerca di riattivare il display, a volte anche scorrendo il menu, soprattutto verso il basso. Il pulsante tattile in basso al display funziona principalmente come pulsante Back e pulsante Menu. Scorrendo verso l’alto o verso il basso sul display touch si visualizzano i widget per i passi, i minuti attivi, le previsioni del tempo ecc.

Premendo il pulsante dalla schermata home dell’orologio viene visualizzato il menu delle app, inclusi allenamenti, timer e allarmi, Pulse Ox e Impostazioni del dispositivo. Per personalizzare il quadrante sono disponibili più watch faces che puoi cambiare ogni volta che lo desideri dall’app Garmin Connect mobile.

Sensori e connettività

Per quanto riguarda i sensori, Vivosmart 4 integra il cardiofrequenzimetro ottico Elevate, altimetro barometrico, accelerometro, sensore di luce ambientale e sensore Sp02. Si collega al tuo smartphone tramite Bluetooth Smart ed è anche compatibile con lo standard ANT+.

Come activity tracker Vivosmart 4 monitora tutte le metriche standard che ti aspetteresti: passi, piani di scale, minuti di intensità, calorie bruciate, livello di stress, qualità del sonno e frequenza cardiaca. Per gli allenamenti, la band può registrare walking, running, allenamento della forza, nuoto in piscina, yoga, ellittica, cardio e toe-to-toe, che è un esercizio da fare con i bambini. C’è anche un’opzione Altro, da utilizzare se il tuo allenamento non è compreso tra quelli nella lista. Per iniziare un allenamento è necessario aprire il menu di Vivosmart 4 e scorrere fino all’attività desiderata – a volte può risultare un po’ complicato, specialmente se si hanno le dita sudate.

Il più grande svantaggio di Vivosmart 4 è la totale assenza del GPS. Non si ha nemmeno l’opzione di usare quello del proprio smartphone, quindi la distanza che si ottiene è quella stimata dall’accelerometro integrato.

Vivosmart 4 supporta il riconoscimento automatico delle attività Garmin Move IQ. Move IQ riconosce automaticamente le attività più comuni come andare in bicicletta, correre e usare l’ellittica. Queste attività vengono visualizzate solo nel calendario degli allenamenti in Garmin Connect, non nel feed o nell’elenco delle attività.

Sensore SpO2

Garmin ha aggiunto un sensore SpO2 al dispositivo, che misura i livelli di ossigenazione del sangue durante il sonno. Le misurazioni sono rappresentate graficamente come percentuali e l’app Garmin Connect mostra l’intervallo ottimale per tali percentuali. Una lettura bassa dell’ossigenazione del sangue è un segno di difficoltà respiratorie durante il sonno, che potrebbe essere un sintomo di apnea notturna. I valori considerati normali sono pari o superiori al 95% e qualsiasi valore inferiore al 90% è considerato troppo basso. E’ possibile misurare l’ossigenazione in qualsiasi momento dal dispositivo stesso. Basta rimanere il più fermi possibile, preferibilmente tenendo il polso all’altezza del cuore. Oltre al sensore pulse ox, con vívosmart 4 Garmin c’è un nuovo monitoraggio del sonno che suddivide le fasi in leggero, profondo e REM, oltre a rilevare ogni movimento durante la notte. Al risveglio, è possibile rivedere tutte le statistiche nell’app compagna Garmin Connect Mobile.

garmin vivosmart 4

Body Battery

Altra innovativa funzione di monitoraggio è Body Battery, che consente di visualizzare il livello energetico dell’ organismo in qualsiasi momento. Questo può essere d’aiuto nella programmazione degli allenamenti e dei tempi di riposo. Utilizzando una combinazione di dati fisiologici (livello di stress, variabilità della frequenza cardiaca (HRV), qualità del sonno e livello di attività) un valore Body Battery elevato indica che si è pronti per allenarsi, mentre un numero inferiore suggerisce una pausa.

Il tuo livello Body Battery può essere visualizzato sul braccialetto o nell’app Connect, che presenta un grafico in modo da poter vedere come cambia durante il giorno. Nota che Body Battery è una funzione FirstBeat e si trova anche con un nome diverso nell’orologio Suunto 3 Fitness. Vívosmart 4 è dotato di un nuovo sensore per il monitoraggio della frequenza cardiaca Elevate ridisegnato che ti avvisa se rileva una frequenza cardiaca anomala. Tiene anche sotto controllo il tuo VO2 max, lo stress quotidiano e offre un timer di rilassamento utile per calmarsi nelle situazioni di stress.

Notifiche Smart

Con una discreta vibrazione si ricevono gli avvisi di chiamata e le notifiche direttamente al polso. Gli utenti Android possono anche rispondere utilizzando risposte predefinite. E’ possibile personalizzare le notifiche che desiderano ricevere sempre e durante l’attività fisica. Il display non è il migliore per la lettura di messaggi lunghi, ma è possibile toccare lo schermo per “aprire” il messaggio e leggere il contenuto mentre scorre sul piccolo schermo.

Con Vivosmart 4 è anche possibile visualizzare le previsioni meteo, controllare i brani musicali sullo smartphone e utilizzare la funzione trova il mio telefono. Garmin non ha incluso l’NFC, quindi non è possibile effettuare pagamenti contactless con Garmin Pay.
Come Vivosmart 3, anche questo nuovo modello offre un’eccellente durata della batteria.

Autonomia della batteria

Con una singola ricarica l’autonomia raggiunge i sette giorni con rilevamento cardio al polso 24/7. Se si desidera migliorare l’autonomia della batteria è possibile disattivare il sensore SpO2 che è sempre attivo nelle ore notturne. Il cavo di ricarica è proprietario il che significa che dovrai acquistarne un altro se lo dovessi perdere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.